Il quartiere di Chueca, nel cuore di Madrid, è uno dei quartieri più vivaci della capitale. Se sei andato a Madrid, sarai di certo stato in uno dei suoi bar o ristoranti alla moda o ti sarai divertito come non mai durante il Gay Pride Festival. Ma ciò che sicuramente non conosci sono gli otto segreti di questo autentico quartiere che sto per svelarti.

quartiere-chueca-madrid

1. Chi era Chueca

Iniziamo dal principio. Non tutti sanno che il quartiere di Chueca onora il famoso compositore di Madrid, Federico Chueca. Ha composto opere, zarzuelas e l'operetta spagnola. Nato nel 1846, questo musicista dal talento innato era una persona autentica. Ecco alcuni dei titoli delle sue opere: La Gran Vía, Vivitos y coleando, Agua, azucarillos e aguardiente, La alegría de la huerta...

Federico.Chueca

2. La casa dei sette camini

Questo edificio nasconde una leggenda con storie di fantasmi incluse. Situato in Plaza del Rey, la Casa dei Sette Camini esisteva già nel XVI secolo. Da un lato, questo palazzo ha assistito a grandi eventi storici in Spagna, dall'altro, i suoi abitanti, quasi sempre illustri, hanno scritto la storia di questo paese. Ma ciò che che più di tutto viene raccontatp è che lo spirito di Elena continua ad aggirarsi per casa. Alcuni dicono che era l'amante di Felipe II e che lei gli mandava messaggi d'amore a seconda del camino che accendeva. Altri sostengono che Elena sposò il capitano Zapata e la cui scomparsa nella guerra delle Fiandre porto Elena a morirne di dolore. La cosa ancora più strana è il non ritrovamento del suo cadavere. Molti hanno avuto episodi paranormali e affermano di averlo visto. E così sono pochi i lavoratori che vogliono ristrutturare la Casa dei Sette Camini.

secretosdeChueca.sp

3. Il passaggio segreto

Tornando a tempi più recenti, all'inizio del XX secolo, dobbiamo parlare di due dei più famosi cocktail bar di Madrid. L'attuale Museo Chicote, che ha aperto nel 1930 e si trova in Gran Vía 12 e il Cock in Calle de la Reina 16. Quando il barista Perico Chicote comprò i due negozi nel 1945, costruì anche un passaggio tra i due cocktail bar. Dicono che le migliori feste erano nel cortile, nel Cock, in stile "Speakeasy". Scrittori dell'epoca narrano anche che Chicote teneva la sua collezione di bottiglie di alcolici di tutto il mondo nello stesso passaggio. Ciò che è chiaro è che questi bar hanno dato molto di cui parlare e continuano a darlo. George Clooney, Pedro Almódovar, Alaska e Mario ... ci sono molti che soccombono al fascino di questo posto.

4. Il bar di una vita

A Madrid, il ritmo delle chiusure e delle aperture è frenetico. Quindi occorre apprezzare il merito di essere un bar "di tutta la vita", sopravvissuto alle varie crisi economiche e nonostante tutto essere ancora in voga. L'Olimpico, ne è un grande esempio. Al mattino ci sono i clieti abitudinari che bevono il loro caffè. Più tardi i lavoratori della zona e i vicini scelgono il menu del giorno. Nel pomeriggio, si va già di cañas, con la buona tapa che serve il cameriere del Café Olímpico Bar, situato in Calle Infantas 40.

5. Quartiere di droga

Con il cameriere dell'Olympic puoi parlare di quando Chueca era il quartiere dei tossicodipendenti a Madrid. A Chueca si andava per, è brutto dirlo, farsi e bucarsi. Una mia zia in seconda aveva un negozio di alimentari, che oggi sarebbe un "cinese" e ricordo, anche se era molto piccolo, che le volte in cui andavamo a trovarla nel suo negozio dovevamo raccogliere le siringhe dal pavimento . Prima di diventare uno dei migliori quartieri gay del mondo, Chueca ebbe un passato oscuro e di degrado.

6. Piazza Pedro Zerolo

Prima che venne chiamata Piazza Pedro Zerolo nel 2016, questa centrale Plaza de Chueca si chiamava Vázquez de Mella. La morte improvvisa del socialista Pedro Zerolo, uno dei politici che più si è battè per il gruppo LGTB (il matrimonio gay in Spagna è stato approvato nel 2005, il quarto paese al mondo) fece sì che venne data una nuova identità alla piazza.

7. Tony 2

Ci sono pochi bar senza musica, senza DJ, e solo con un pianoforte dal vivo come intrattenimento. Il Tony 2 è uno di loro ed è sempre pieno. I cocktail sono sempre più costosi e l'alcol non è dei migliori, ma il divertimento di questo locale a piano terra di Calle Almirante, vale tutto. Aperto fino all'alba, questo bar attira profili così diversi (specialmente durante la settimana) che è un piacere cantare e parlare con chiunque.

8. San Valentino

Nella chiesa di San Antón, a parte il meraviglioso lavoro di carità che viene fatto nei confronti dei senzatetto di Madrid grazie a Messengers of Peace, c'è un segreto che deve essere raccontato. Quando un giorno ti troverai sulla Calle Hortaleza entra e chiedi ad alcuni dei loro adorabili volontari di raccontarti le storie e le curiosità della chiesa. Ciò che mi ha colpito di più è sapere che i resti di San Valentino sono lì, in uno degli altari. Ogni 14 febbraio puoi mettere un nastro in modo che il tuo amore duri o chiedere a Valentino di aiutarti a trovarlo.

Hai qualche segreto su Chueca? Svelamelo, ti prometto di non dirlo, segreto professionale! ;)

Se stai cercando una sistemazione a Madrid, hai trovato il posto giusto! Spotahome